Search
  • Vinicola Arno

Two Seasons Done, the Third has Already Started

Updated: Feb 27, 2021

Hard to believe that two seasons have already passed and a third one is on its way -- yes, because as soon as the Vendemmia is finished, fermentation and the combination of steel and/or barrique starts, the new season is suddenly upon us. This year we figured how and why it is so hard for farmers to take a few days off, vacation time, etc -- and that is because there is no such thing as time off: it is planting, weeding, following the weather, before-it-rains, after-it-rains, cleaning, protecting, weeding, following the weather, removing sick plants, marquing, painting, mapping, flying, weeding, fluffing the soil, preparing for planting, fertilizing, pruning for the following season, more weeding, and on and on.


Our FIRST SEASON at Vinicola Arno (2017-18) was marked by a steep learning curve regarding grapes, planting, taking care, mapping. We honestly felt like starting Grade 1 at Elementary School all over again, but instead of learning about letters and numbers, we were on this very intense and exciting world of grapes & wines. Our complete focus was on the land, and the grapes, what we should and should not do, learning with the local winemakers, following with our hearts, we wanted our little ozone piece above us, our healthy living right there, at the reach of our hands -- and that’s what we were going to do. With this really fantastic farmer, Ivo Gallo, working and guiding us, we decided on a sustainable approach that would require about three years to be 100% implemented, but that could start immediately via baby steps and that was by using mechanical and hand-weed removal methods for the grapes and everything else, planting of our very own vegetable garden and the use of natural fertilizers, such as hummus and natural compost.


Our SECOND SEASON (2018-19) had, of course, all elements of the first season, but with all our 4.5 hectares already mapped, we proceeded with expanding our specialty wine area -- the Nizza Barbera** -- by one extra hectare in Castelnuovo Calcea, an area 1.5km from our main Mombercelli vineyards. This brought our potential production of the wine Barbera Nizza DOCG to 50% of our total production, with two completely different taste profiles as a result of the two diverse terroirs plus their own microclimates. It is amazing how can two areas so close to each other and the exact same grape type behave, grow and harvest such wonderful and different flavours at the same time? And I guess this is the “secret sauce” for the Arno label wines -- attention, love, respect for the terroir. In this second season, given that now our wine was starting its aging phase, some in steel, some already in French oak, it was time to start our Grade 2 Learning -- how do we bottle, design labels, capsules, boxes and all that comes together? And at the end of this process came DESOLINA 2018, whom you already know. The feedback received has been fantastic, but we could not have put it out if we did not have faith in the result.


The CRAZIEST THING we’ve done so far was that we decided to do a BLIND TASTING, on the evening of the first day of harvest-2019, including our own wine of course, and to have an idea apples-to-apples, on how good (or not!) our DESOLINA would be. The criteria was to have another 6 Barbera (100%) wines, of very good reputation, 2018, aged in steel, same bottle shape (so nobody could cheat by guessing), capsules removed, and completely covered in flat, opaque brown paper. Present were Michael/myself, our farmer Ivo and his wife Sylvia, two of Michael’s cousins from Parma - Giuliano and Giuseppe, and a very close friend of mine from Brasil, Silmara and her husband Roberto. We had worked all day. Elena (from Trattoria Elena on the road to Asti) had prepared a nice “Tripe” for dinner, and before we started the traditional Italian food love, we did it. Nobody knew the wines part of the tasting, only that they would be all great and were numbered randomly from 1-6! My initial thought/plan was to number the final choices from “most loved” to “least favorite”, and so we went. We kept it simple, especially because of the lateness and how tired we all were. Wine #1, one loved the aromas, flavour, la,la,la, each one saying this and that, all lovely, then we moved to Wine #2, and that’s when my heart skipped a beat, when one of the participants did not like the bouquet so much -- but my immediate thought was: “what if this is our wine?”. At this point I was content in changing the game to top three and bottom three. To make this long story short, I did not need to worry, as DESOLINA scored a whopping SECOND PLACE!!!!! OK, I must say how it went, without disclosing the name of the other very excellent wines present, but once we had eliminated the (common) last place, it was easy to move forward towards a rating. Second, can you believe it? We were all speechless when we finally removed the brown-bag paper and saw the results -- and laughed and laughed -- and drank all 5 bottles left.




At this point I would like to thank our senior farmer Ivo Gallo, our enologist Ignazio Giovini, from L’Armangia, our family and friends -- and to Zook and Zara (our porties), who worked and harvested every day with us. I would also like to add many thanks to Roberto Ferraris and his son, Marco Ferraris, for their immense wisdom and words of encouragement. I found this, in Italy: if you love the land, respect it and love what you do, they all embrace you and make you feel at home.

For this THIRD SEASON that starts, the focus will be on the “how do we get the wine out of our cellars and into the world” . Here we go!




Due stagioni sono andate...


Difficile da credere ma sono già passate due stagioni mentre la terza si sta facendo strada -- sì, perchè non appena la vendemmia sarà finita, inizierà la fermentazione e la combinazione di acciaio e legno, e ciò significa che la nuova stagione è praticamente già arrivata. Grazie a questa esperienza, quest’anno abbiamo realizzato perchè per i professionisti dell’agricoltura sia così difficile prendersi qualche giorno di pausa o programmare le vacanze - questo avviene semplicemente perchè nella routine agricola non esiste il tempo libero: tutti i passaggi dipendono dal tempo atmosferico, dal prima e dopo la pioggia. C’è la semina, la sarchiatura, la pulizia, la protezione e poi di nuovo la sarchiatura, la rimozione delle piante malsane, la marchiatura, la pittura, la mappatura, il procedimento per mantenere il terreno soffice, la preparazione alla semina, la fertilizzazione, la potatura per la stagione seguente e così via.

La prima stagione di Vinicola Arno (2017-18) è stata caratterizzata da una curva di apprendimento ascendente e ripidissima. A partire dall’uva, la semina, la cura del terreno e la mappatura...onestamente ci siamo sentiti come in prima elementare, al posto di lettere e numeri, ci siamo misurati con il mondo eccitante ed intenso di grappoli e vino. Ci siamo focalizzati sulla terra, sull’uva, su ciò che dovremmo e non dovremmo fare, imparando dai produttori locali. Seguire il nostro cuore ci ha portato a desiderare il nostro piccolo pezzo di ozono, una vita sana impostata proprio qui e basata sulla forza delle nostre mani - tutti i nostri passi vanno in questa direzione.

Abbiamo avuto la fortuna di poter lavorare fianco a fianco con un meraviglioso produttore, Ivo Gallo, che ci ha guidato e istruito. Insieme a lui abbiamo deciso di intraprendere un percorso produttivo sostenibile che richiederà almeno tre anni per essere implementato al 100% - ma che è già in essere attraverso piccoli accorgimenti e pratiche come l’utilizzo di attrezzi e meccanici e manuali per la rimozione dell’uva, creazione di un orto adiacente, e soprattutto l’utilizzo di fertilizzanti naturali come hummus e compost naturale.

La nostra seconda stagione (2018-2019) ha visto ripetersi gli stessi passaggi della prima, tuttavia avendo già mappato 4.5 ettari di terra, ci siamo potuti dedicare all’espansione dell’area per il Nizza Barbera, aggiungendo un ettare nella zona adiacente a Castelnuovo Calcea, che dista 1.5 km da Mombercelli.

Questo cambiamento va ad impattare sulla produzione di Nizza Barbera DOCG che potenzialmente potrebbe diventare il 50% della nostra produzione, con due diversi profili sensoriali che sono il risultato dei diversi terroir e dei loro eterogenei microclimi.

La cosa incredibile è che da due aree adiacenti e con la stessa tipologia di uva, crescano frutti dai sapori così diversi. Immagino che il vero ingrediente segreto delle etichette Arno risieda proprio qui, nell’attenzione, amore, rispetto per il terreno.

Durante questa seconda stagione, tenendo conto che i nostri vini sono entrati nella fase di invecchiamento, alcuni in acciaio, altri in botti di rovere francese, è iniziata per noi una seconda fase di apprendimento: l’imbottigliamento, la definizione del design dell’etichetta, le capsule, scatole e tutto ciò che ne consegue.

Alla fine di questo processo è arrivato il DESOLINA 2018 che voi conoscete già.

Il feedback dei consumatori è stato fantastico, ma non avremmo potuto raggiungere questo risultato senza la fede nel nostro lavoro.

La cosa più assurda che abbiamo fatto finora è stata una degustazione cieca la sera della prima vendemmia del 2019, così da avere un’idea ragionevole sulla bontà o meno del nostro Desolina.

Il nostro criterio era testare altri 6 differenti Barbera al 100% con un’ottima reputazione, datati 2018, invecchiati in acciaio, sei bottiglie con lo stesso design, il tappo rimosso e le bottiglie completamente coperte da carta da pacco.

Alla degustazione eravamo presenti io, Michael, il nostro produttore Ivo, sua moglie Sylvia, due dei cugini di Michael da Parma - Giuliano e Giuseppe, e una nostra grande amica dal Brasile, Silmara con suo marito Roberto. Dopo aver lavorato tutto il giorno, Elena dell’omonima trattoria sulla strada per Asti ci ha preparato una trippa e prima che iniziassimo a fare l’amore con il cibo italiano, abbiamo fatto la degustazione.

Nessuno conosceva i vini che avevamo scelto per la degustazione solo che tutti erano di buona qualità e numerati in maniera casuale da 1 a 6.

Abbiamo chiesto ai partecipanti di ordinare le bottiglie dalla più amata alla meno gradita. Abbiamo mantenuto una struttura semplice perchè era tardi ed eravamo stanchi.

Vino #1, qualcuno ne ha amato l’aroma, qualcuno il sapore etc...ognuno ha espresso il suo parere e siamo passati alla bottiglia #2, a questo punto il nostro cuore ha iniziato a battere un po’ quando una persona del gruppo ha dichiarato di non amare il bouquet. Immediatamente il mio pensiero è stato: e se questo fosse il nostro vino?

A questo punto la dinamica sarebbe stata una classifica a eliminazione, e uno nuovo confronto tra le tre bottiglie vincitrici ma non ce n’è stato bisogno perchè il DESOLINA ha vinto il secondo posto! Ok, devo confessare com’è andata senza svelare i nomi degli altri vini davvero eccellenti in corsa, ma una volta eliminati gli ultimi 3 posti, è stato facile valutare le bottiglie. Potete crederci? Eravamo tutti senza parole quando abbiamo scoperto il risultato. Abbiamo riso molto e festeggiato bevendo tutte le cinque bottiglie rimanenti.

A questo punto vorremmo ringraziare il nostro agricoltore esperto Ivo Gallo, il nostro enologo Ignazio Giovini de L’Armangia, la nostra famiglia e i nostri amici, Zook e Zara, che hanno lavorato e vendemmiato con noi. Vorremmo anche ringraziare Roberto Ferraris e suo figlio Marco per i consigli saggi e le parole di incoraggiamento. In Italia abbiamo capito una cosa: se ami la terra, rispettala e metti amore in quello che fai, lei ti ripagherà abbracciandoti e facendoti sentire a casa.

La sfida per la terza stagione sarà capire come portare il vino dalle cantine a tutto il mondo. Noi siamo pronti!


126 views0 comments